PeaceLink News
89 subscribers
23 photos
2 videos
3 files
156 links
Comunicazioni ufficiali dell'Associazione PeaceLink www.peacelink.it
Download Telegram
to view and join the conversation
In Afghanistan l'occupazione delle truppe USA e Nato aveva tollerato la pratica del Bacha Bazi, i bambini stuprati, i "bambini per gioco", minori, maschi, costretti a indossare abiti femminili ed essere sfruttati sessualmente da uomini molto più grandi di loro. https://www.peacelink.it/conflitti/a/48697.html
Quali progressi erano stati fatti sul piano civile dal 2002 al 2010 in #Afghanistan mentre D'Alema diceva che stavamo salvando gli afghani e che i pacifisti dovevano essere "orgogliosi" della missione militare? Nessuno, anzi, la guerra aveva fatto regredire gli indicatori statistici più delicati relativi alla speranza di vita e alla scuola: "L’aspettativa di vita è scesa da 46,6 a 44,6 anni. L’alfabetizzazione è diminuita dal 36 al 28%". Questo diceva la CIA nei suoi archivi consultabili pubblicamente. In crescita c'erano gli indicatori negativi: "La mortalità infantile è aumentata del 4,6% tra il 2002 e il 2010. Tra il 2002 e il 2009 la popolazione sotto la soglia di povertà è cresciuta dal 23 al 36%".
Ma i governi USA/NATO dicevano l'opposto.
La CIA diceva la verità e i governi le menzogne. Dato che i politici venivano smentiti dalle statistiche della CIA, i governi hanno manipolato i dati. E hanno costruito bugie con statistiche fasulle. Tutto documentato negli "Afghanistan Paper" che il Washington Post sta pubblicando in questi giorni a puntate. Duemila pagine di documenti top-secret che raccontano le bugie di guerra che adesso dobbiamo conoscere. Soldati mandati a morire per nulla, per una guerra drogata dalle menzogne sugli aiuti ai civili. Se avessimo conosciuto la verità, tante persone non sarebbero morte in venti anni di fallimenti militari e civili. La guerra è stata un colossale fallimento ma ancora maggiore è stato il fallimento civile che è stato mascherato manipolando i dati statistici afghani. Condividete questo messaggio di #PeaceLink. La verità è importante. La gente deve sapere che è stata ingannata in questi venti anni di #guerra.
Domani alle 22 facciamo una videoconferenza per avviare una campagna per l'abolizione del carcere di Guantanamo. Link www.peacelink.it/riunione
Parte da oggi, 31 agosto 2021, la Campagna Guantanamo e chiunque può firmare la lettera che invieremo al Presidente del Consiglio Mario Draghi. L'obiettivo è fare pressione sul governo italiano perché richieda al presidente USA Joe Biden la chiusura della prigione americana di Guantanamo, luogo di torture e di violazioni dei diritti umani, oltre che delle Convenzioni di Ginevra. Guantanamo si trova geograficamente nella base USA dell'isola di Cuba.


Per firmare il link è https://www.peacelink.it/guantanamo

Per favore, diffondi questo messaggio, mandalo ad almeno tre tuoi amici e condividilo sui social.
Grazie!

Materiale informativo lo trovi qui:
Cosa è Guantanamo https://lists.peacelink.it/dirittiglobali/2021/08/msg00011.html
Planning della campagna https://lists.peacelink.it/dirittiglobali/2021/08/msg00010.html

Per la Campagna Guantanamo
Alessandro Marescotti
Stasera alle ore 22 videoincontro della Campagna Guantanamo. Vorremmo allargare la nostra attività alla campagna Assange. Inoltre le pacifiste americane di Codepink hanno lanciato una campagna di solidarietà per Daniel Hale, in carcere perché ha rivelato le uccisioni di civili con i droni USA. Il filo conduttore della nostra campagna è quello dei crimini compiuti in nome della lotta al terrorismo, dalle torture di Guantanamo, alle uccisioni di civili con i droni fino alla persecuzione di tutti quelli che hanno rivelato i crimini violando segreti militari. Link per collegarsi stasera alle ore 22: www.peacelink.it/riunione
COMUNICATO STAMPA


Questo è il link della recente pubblicazione scientifica su Environmental Research del lavoro di ricerca sulla mortalità di Taranto, che ha certificato, con significatività statistica, 1020 decessi in eccesso dal 2011 al 2019, nei 3 quartieri nord della città (i più vicini al polo industriale), rispetto ai valori attesi calcolati su base regionale.


"Use of official municipal demographics for the estimation of mortality in cities suffering from heavy environmental pollution"

https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0013935121013025


su Environmental Research 9/9/2021



Dichiarazione di PeaceLink: "Questa ricerca pubblicata su una rivista internazionale di alto profilo scientifico conferma un eccesso di mortalità nei tre quartieri più vicini all'area industriale di Taranto. E ci spinge a chiedere azioni risolutive perché è evidente, dai dati pubblicati, che ogni anno che passa muoiono troppe persone che hanno la sola colpa di vivere troppo vicine alla ciminiere. Una palese violazione del diritto alla vita che lo Stato avrebbe il dovere di proteggere".



Alessandro Marescotti


Presidente di PeaceLink  
Nasce la campagna "Italiani per Hale".

Da ieri è stata costituito il gruppo Facebook https://www.facebook.com/groups/italianiperhale
L’obiezione di coscienza di Daniel Hale
Italiani per Hale
L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
https://www.peacelink.it/peacelink/italianiperhale
Nasce la campagna "Italiani per Hale".

Da ieri è stata costituito il gruppo Facebook https://www.facebook.com/groups/italianiperhale
L’obiezione di coscienza di Daniel Hale
Italiani per Hale
L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
https://www.peacelink.it/peacelink/italianiperhale
Foto da Alessandro Marescotti
Disegno di Gianluca Costantini
#ILVA

Transizione ecologica, necessario un nuovo blocco sociale
I tempi nuovi richiedono un sindacato che, facendosi carico del destino dei lavoratori, si faccia carico anche del destino degli “altri”, di quelli che sono fuori del muro di cinta della fabbrica. Un tempo gli studenti andavano ai cancelli delle fabbriche per unirsi agli operai. Oggi a Taranto vanno a quei cancelli apponendo dei lucchetti e scrivendoci sopra “chiusura”.
L'articolo integrale su https://www.terzogiornale.it/2021/10/04/ex-ilva-necessario-un-nuovo-blocco-sociale/
Condividi la mobilitazione contro l'estradizione di Assange negli Stati Uniti e per la sua libertà. La detenzione di Assange è illegale. Clicca su questo link che contiene i collegamenti alle informazioni più importanti per partecipare alla campagna per Assange https://canyon-silence-597.notion.site/Free-Assange-dfbf6b75b2694abcb85e248e19e84076
Forwarded from Economia disarmata
"Il caso Taranto" è il cuore dei problemi ambientali italiani. Città Nuova continua il suo percorso per contribuire al dibattito in vista della Settimana sociale "Il Pianeta che speriamo". Vi aspettiamo al dialogo on line sul canale YouTube di Città Nuova: https://youtu.be/LCDWZPMPyd0
Oggi a Taranto alle ore 18 al cinema Ariston (via Abruzzo 77) verrà proiettato il film "Inferno in paradiso", con il contributo di alcune associazioni fra cui Peacelink. Porteremo al cinema questa agenda per chi vorrà prenderla.