Jacopo Morrone
243 subscribers
181 photos
12 videos
9 files
327 links
Segretario Lega Romagna
Deputato Lega Salvini Premier

https://m.facebook.com/JacopoMorroneOfficial/
Download Telegram
to view and join the conversation
Domenica 28 Marzo alle ore 19.00 parliamo di TURISMO insieme al Ministro Massimo Garavaglia 🇮🇹
Ci vediamo questa sera alle 23.15 a #SalottoBlu ospite dell’amico Mario Russomanno per parlare di decreto sostegni, di turismo e delle proposte della #Lega al governo. 😉
👉 Scuole aperte dal 7 aprile almeno fino alla prima media anche nelle zone rosse. E’ un inizio che auspichiamo valga in tempi rapidi anche per le altre classi. La scuola è un punto fermo per il futuro dei bambini e dei ragazzi: chiuderla potrebbe aver determinato serie conseguenze per la crescita, la socializzazione e l’educazione di molti di loro. Bene dunque che anche il presidente Stefano Bonaccini abbia assicurato che in Emilia-Romagna partiranno asili, elementari e prima media. Meno bene che continui a sostenere misure restrittive per tutti gli altri settori. Si agisca al contrario sulla risposta del sistema sanitario che in molti casi non ha certo brillato. Se ci sono problemi di tracciamento, posti letto o vaccinazioni, la soluzione non dovrebbe essere chiudere tutto.
Cosa sta facendo la Lega al governo e cosa ha in progetto di fare? Ne parliamo con l'On. Massimo Garavaglia, Ministro del Turismo, e l'On. Jacopo Morrone, Segretario Lega Romagna
⚖️ Riforma della #Giustizia civile e penale, della #PoliziaPenitenziaria e della #MagistraturaOnoraria.

Ecco la mia intervista su
“IL DUBBIO”
Questa mattina insieme alla collega Elena Raffaelli ho avuto un incontro con il viceministro al ministero delle Infrastrutture Alessandro Morelli al quale ho sottoposto i grandi e datati problemi infrastrutturali della Romagna, su alcuni dei quali ho già presentato anche atti ispettivi e di indirizzo politico. Al primo punto ho messo, naturalmente, la situazione dell’E45 e lo stato dei lavori di riqualificazione. Ma non sono di minore rilevanza il porto di Ravenna o altre arterie stradali che interessano i tre territori provinciali romagnoli di cui perfino la Regione sembra disinteressarsi. A questo proposito, il viceministro Morelli ha previsto una visita in #Romagna.
‼️++ LETTERA DI MATTEO #SALVINI A LIBERO ++

Caro direttore Feltri, è vero: per me sarebbe stato più semplice restare all’opposizione anziché imbarcarmi con quelli che definisci ex comunisti ed ex democristiani. Eppure l’ho fatto perché rimanendo fuori dai giochi avrei regalato il Paese alla stessa squadra ) del Conte 2 che ha condannato l’Italia a numeri record in fatto di contagi e vittime, crollo del pil, ritardi e scandali sulle mascherine e non solo.
Nei mesi a venire, anche per la gestione dei fondi europei, verranno gettate le basi per l’Italia dei prossimi decenni: davvero, caro direttore, avremmo dovuto lasciare il nostro futuro nelle sole mani di Speranza, Pd e 5Stelle?
Da tempo il centrodestra è maggioranza nel Paese: non credo che gli italiani si meritino decrescita felice, più chiusure e meno libertà, ius soli e porti aperti, monopattini cinesi al posto di strade moderne e nuove ferrovie. Per questo ho scelto di entrare nel governo: per portare la voce del centrodestra! Capisco i dubbi, ma dopo poche settimane non si può pretendere un’inversione completa e su tutti i temi.
Nel 2018, Libero mi consigliava di stare alla larga dai
Cinquestelle perché non saremmo riusciti a realizzare
il programma. Invece, nel giro di un anno, abbiamo ottenuto il blocco degli sbarchi, Quota 100, legittima difesa e codice rosso, decreti sicurezza, flat tax fino a 65mila euro, modello Genova per rifare il ponteMorandi a tempo di record.
Guardo il bicchiere mezzo pieno: ora non abbiamo più Arcuri e le sue primule, la Azzolina e Bonafede. Sono cambiati il Cts e il vertice della Protezione civile. Sui vaccini lavoriamo per fare anche da soli, visti i ritardi dell’Europa. Sulle cartelle esattoriali è stato fatto un primissimo passo verso la pace fiscale. I rimborsi arriveranno direttamente sui conti correnti. È finita l’epoca dei dpcm. Addio ai codici Ateco. Stop alle inutili passerelle nelle ville romane. E ora riapriranno le scuole. È ritornato il ministero che si prende cura delle Persone con disabilità e delle loro famiglie: sono 6 milioni di connazionali e il ministro della Lega Erika Stefani ha strappato un budget di 100 milioni di euro che certamente investirà con profitto. Resto convinto che, visti i dati, si debbano allentare le restrizioni nelle zone meno aggredite dal virus. E non mi stupisce la frustrazione dei cittadini e delle imprese per la rigidità di Speranza, Pd e 5Stelle che da novembre ci dicono «chiudiamo ora per aprire a Natale», e a Natale «chiudiamo ora per aprire a Capodanno», e poi «chiudiamo a Capodanno per riaprire alla Befana» e così via. La sfida è portare buonsenso, sempre fidandoci dei dati scientifici ma col coraggio di scegliere, e facendo affidamento su Mario Draghi che è persona pratica e ragionevole: non possiamo ignorare partite Iva, professionisti, artigiani e imprenditori. Sono quelli senza stipendio garantito e che danno un contributo fondamentale alla nazione. Chi lo dimentica o lo ignora (per ideologia o stupidità) fa il male dell’Italia. Non è questo il governo che potrà cambiare tutto quello che non va, a partire da immigrazione e giustizia, ma è mio preciso dovere fare la mia parte. A testa alta, con coraggio e con orgoglio, nella trincea della concretezza, in attesa delle elezioni e di un governo politico con una maggioranza chiara che, sono sicuro, vedrà protagonisti la Lega e tutto il centrodestra. Nel frattempo dovrei consegnare il pallino alla sinistra, rassegnandomi a stare chiuso in casa a Milano mentre approvano lo ius soli e la patrimoniale?
Ps: caro direttore, vedrai che quando finalmente verranno rottamate decine di milioni di cartelle esattoriali grazie all’insistenza della Lega - liberando dall’incubo milioni di famiglie italiane - anche tu cambierai idea.
La festività pasquale trasmette un messaggio di pace e speranza che deve darci la spinta a guardare il futuro con ottimismo senza perdere di vista la realtà che ci circonda. Il mio pensiero affettuoso è oggi rivolto in particolare a coloro che soffrono e a chi li assiste, a coloro che sono angosciati per il domani incerto e alle loro famiglie. La Pasqua è rinascita, rinnovamento e serenità: sia questo il migliore augurio per tutti.
Oggi al Ministero della Transizione Ecologica insieme al sottosegretario Vannia Gava e alla collega Elena Raffaelli. Diversi i temi su cui ci siamo confrontati riguardanti, in particolare, il territorio romagnolo.
📌 Covid: #Morrone (#Lega), Ddl Avvocati grazie a Cartabia (ANSA)

Guarda il video completo al link 👇
https://fb.watch/4RzLssD-Ty/
📌 Covid: #Morrone (#Lega), Ddl Avvocati grazie a Cartabia (ANSA)
ROMA, 13 APR - "Dobbiamo dare atto al ministro Marta Cartabia di essersi subito attivata per risolvere il problema, dopo l'immobilismo dell'ex Guardasigilli Bonafede, come dobbiamo evidenziare che se oggi votiamo questo provvedimento e' grazie all'attivita' preparatoria svolta sollecitamente da Governo e Gruppi parlamentari che hanno ben compreso la specificita' di questa situazione paradossale. Si tratta di una modifica sostanziale, che speriamo temporanea, delle prove di esame che ci sembra riescano a mantenere le caratteristiche per far emergere le capacita' concrete dei candidati, a cui auguro un sentito in bocca al lupo". Lo afferma il deputato della Lega Jacopo Morrone, gia' sottosegretario di Stato alla Giustizia, nel corso delle dichiarazioni di voto in Aula. "La professione di avvocato necessita di spirito di sacrificio, di grande imparzialita' e di provata indipendenza, oltre all'impegno, alla lucidita' e alla dedizione da mettere in conto affrontando ogni incarico ricevuto, dal minore al piu' problematico e coinvolgente. Si tratta di una vera e propria 'missione' che, tuttavia, oggi risulta sempre piu' difficile svolgere al meglio e con soddisfazione". Citando il V rapporto del Censis sull'Avvocatura italiana, il parlamentare della Lega ha poi evidenziato come le ricadute dell'emergenza sanitaria sulla professione siano state 'pesanti', anche sul piano del reddito dove, tra i piu' penalizzati, rientrano i giovani professionisti. "Anche da queste considerazioni - ha concluso Morrone - emerge la necessita' di affrontare al piu' presto due temi sostanziali, quello della riforma della disciplina dell'equo compenso e quello dell'alleggerimento fiscale in particolare nella fase iniziale dell'attivita' professionale". (ANSA). FLB 13-APR-21 15:26 NNNN