Viaggi nello spazio
43 members
14 photos
2 videos
58 links
Viagginellospazio.org è un sito web dove, attraverso recensioni di libri di scienza, divulgazione scientifica, tecnologiaca, di attualità e di fantascienza affrontiamo questi argomenti consigliando contemporaneamente un ottimo modo per approfondirli.
Download Telegram
to view and join the conversation
#VNS100DaysOfCode giorno: 37

Fra ieri e oggi mi sono messo a scrivere il primo progetto. Come vi avevo anticipato i giorni scorsi nel cosrso che sto seguendo al termine delle prime due lezioni hanno assegnato un piccolo compito. Scrivere un sito web utilizzando gli strimenti che Brian ha spiegato fin'ora in html e CSS.

Oggi sono riuscito a finirlo e devo dire che è venuto abbastanza orribile. Però dai, ci sta. Metà delle cose e "funzioni" che ho inserito sono solo a scopo didattico e non centrano nulla con le altre. Avevo infatti una lista ben precisa di comandi, proprietà e caratteristiche da inserire. Quindi non aspettatevi niente di che.

Potete trovarlo qui: https://notstefano1.github.io/Projectt0/home.html

Ora vogliono anche che glielo consegni. Per farlo devo scrivere una relazione su tutto il codice scritto, spiegandone il funzionamento e registare un video di 5 minuti dove faccio vedere tutte le funzioni 😂🤦‍♂️ La stanno predendo un po' troppo seriamente questi americani... spero almeno che quando vedranno questo progetto nessuno sappia l'italiano 😂

Vi ricordo che su viagginellospazio.org trovate un sacco di altre informazioni su questa mia #100daysofcode e i riassunti settimanali. Qui sul canale Telegram e su Instagram i post giornalieri.
A domani,
Stefano
#VNS100DaysOfCode giorno: 39

Avete letto la storia di Drago? Se non lo avete fatto, meglio così. Quella era il primo progetto, scritto esclusivamente in html e css che Brian voleva che gli consegnassimo.

Ora (finalmente) siamo tornati su python. Nella terza lezione sono stati ripresi i concetti base di Python e l'uso di Flask.
Mi ha un po' deluso scoprire che metà degli argomenti che ho fatto nei primi 30 giorni Brian li ha affrontati in pochi minuti, con una chiarezza dirompente. E' proprio bravo questo ragazzo.

Dopo il piccolo recap siamo passiati a Flask. Questo è un framework molto basilare scirtto in Python, molto più facile di Django per intenderci.
Un framework è un po' come se fosse un pacchetto di funzioni che lavora in un certo modo e vi mette a disposizione strumenti e peculiarità per facilitarvi a fare delle cose. (spigazione terrificante, ne sono consapevole).

La grande caratteristica di Flask è il modo in cui si può integrare con html. Facilmente python diventa un sostituto di javascript per rendere dinamica una pagina web.

Vi ricordo che su viagginellospazio.org trovate un sacco di altre informazioni su questa mia #100daysofcode e i riassunti settimanali. Qui sul canale Telegram e su Instagram i post giornalieri.
A domani,
Stefano
#VNS100DaysOfCode giorno: 41

Fra ieri e oggi ho terminato la terza lezione e iniziato la quarta. Le cose iniziano a farsi difficili ergo, sempre più interessanti.

Iniziando dal concetto di Sessione Brian ha spiegato come sia possibile rendere facilmente dinamica la pagina web html aggiornandola in base a delle informazioni inserite dall'utente.

Per esempio un piccolo form dove inserire delle note e una lista di queste che si aggiorna ogni volta che una nuova nota è stata inviata. Il problema di questo metodo è che allo spegnimento del server le informazioni vanno perse.

Questo si risolve allora con l'utilizzo di un database, argomento principale della lezione 4. Sarà un casino assurdo.

Vi ricordo che su viagginellospazio.org trovate un sacco di altre informazioni su questa mia #100daysofcode e i riassunti settimanali. Qui sul canale Telegram e su Instagram i post giornalieri.
A domani,
Stefano
Buona Pasqua a tutti ragazzi 🚀🚀

Cosa c'è di meglio di qualche oretta di programmazione prima di un pranzo "impegnativo"? Probabilmente tante altre cose ma per me va bene così, quindi stamattina finiamo con questi database 😂

Ci risentiamo Martedì con #VNS100DaysOfCode, A presto 🚀🚀
Buongiorno ragazzi, scusate la latitanza ma sono leggermente sommerso di cose da fare, tornerò presto, promesso. Vi scrivo oggi per una piccola comunicazione di servizio.

Questa settimana a Padova si terrà il Galileo Festival dell'Innovazione una settimana di conferenze e incontri incentrati sulla ricerca e l'innovazione.

Uno degli eventi di punta di questo festival è l'assegnazione del premio Galileo che ogni anno viene assegnato ad un libro di divulgazione scientifica.

Dato che ho avuto la fortuna di capitare nella giuria esterna del premio mi troverete a Padova bene o male tutto il giorno di Giovedì 9 e Venerdì 10. Se passate fatemi sapere che magari scambiamo due parole e beviamo qualcosa 😂😂

I libri candidati di quest'anno sono:

Cristina Cattaneo, "Naufraghi senza volto. Dare un nome alle vittime del Mediterraneo

Roberto Defez, "Scoperta. Come la ricerca scientifica può aiutare a cambiare l’Italia"

Pietro Greco, "Fisica per la pace. Tra scienza e impegno civile".

Sandra Savaglio, "Tutto l’Universo per chi ha poco spazio-tempo"

Peter Wadhams, "Addio ai ghiacci. Rapporto dall’Artico"

Già dalla prossima settimana potrete trovare le recensioni di questi testi direttamente su Viagginellospazio.org

In ogni caso non perdetevi il Galileo Festival, ci sono un sacco di conferenze interessanti. Trovate l'intero programma sul loro sito.
Buongiorno ragazzi, lo so sono di nuovo in pausa perdonatemi.
Vi scrivo per un piccolo aggiornamento.

Mercoledì ho l'opportunità di intervistare Roberto Battiston, fisico ed ex presidente dell'agenzia spaziale in un evento organizzato da DisUP, realtà di cui ho il sentito onore di essere cofondatore e vicepresidente. Se volete saperne di più, trovate tutto qui: DisUP.org

Se mercoledì passate per Trento, vi aspetto mi raccomando.
Se in più avete qualche domanda o qualche questione particolare che secondo voi potrei chiedergli non esitate a scrivermi: @notStefano1 . Il tempo non sarà molto ma farò il possibile.

Detto questo, vi confermo che sono ancora vivo.
Mercoledì ho avuto l'onore, come vi avevo anticipato, di intervistare Roberto Battiston. Abbiamo registrato l'intervista e ora la trovate direttamente sul canale di DisUP.

Un intervista molto interessante a mio avviso che vi consiglio di guardare. Abbiamo parlato di Europa, di scienza, di spazio e anche di Italia. Fatemi sapere.

https://www.youtube.com/watch?v=mzNOfFx9L_U&t=269s
Eccoci qui.

Dopo una lunghissima pausa estiva cosa c'è di meglio di trovarsi un rover indiano allunare sul lato nascosto della Luna?

Bè forse un sacco di altre cose, ma ci accontentiamo. Venerdì notte è previsto il contatto col nostro satellite.

Se avete voglia, ho scritto qualcosa in più qui:

https://viagginellospazio.org/2019/09/05/chandrayaan-2/
il "Visual Journalism" è quella forma di condivisione delle informazione non più limitata al testo, alle immagini o ai video, ad un media solo per intenderci. E' invece la combinazione di tutti questi o di una parti di essi per rendere più efficace il concetto che si vuole trasmettere.

Un esempio: Reuters ha scritto questo articolo per far capire la quantità di bottiglie di plastica prodotte nel mondo:

https://graphics.reuters.com/ENVIRONMENT-PLASTIC/0100B275155/index.html?fbclid=IwAR3o97NMx9b5HwiPRH1DAsIgGi5-i538xBBjNaoqnejXfYCzV3zijvMbGNE
The Spy è una miniserie che racconta l'incredibile storia della spia israeliana Eli Cohen.

Nel 1961 Cohen si è infiltrato in Siria, con l'obiettivo di trafugare e trasmette informazioni a Israele. In 5 anni ha portato a compimento una delle più grandi opere di spionaggio della storia riuscendo a diventare viceministro della difesa del governo siriano.

La sua opera ha portato alla rapida vittoria di Israele nella guerra dei sei giorni del 1967.

The Spy ha una fotografia eccezionale e un Sacha Baron Cohen incredibile.(autore di AliG e Borat per dire ...).

Andate a recuperarla, fidatevi.
Incredibile! Il lander Indiano che si credeva completamente perso fino a poche ore fa è stato ritrovato.

L'agenzia spaziale indiana sta tentando di ottenere un collegamento e sembra che ci stia riuscendo.
Il Lander Vikram è stato fotografato dall'orbiter della missione, attraverso una camera termica, quindi si potrebbe supporre che almeno parte dell'elettronica del rover sia funzionante.

Non è ancora chiaro se il rover potrà ancora funzionare ma tutto lo staff della missione è stato richiamato al lavoro.

Ripeto però che fino ad adesso si sa solo che il Lander è stato fotografato dall'orbiter nell'esatto punto in cui doveva essere. Nulla di più.

Altre info sulla missione indiana: https://viagginellospazio.org/2019/09/05/chandrayaan-2/
L'offerta di oggi su Amazon Kindle non è affatto male. Un'ottima lettura. Per i più piccoli... ma non solo.

https://amzn.to/2NeEzwe