eccedance
179 subscribers
26 photos
2 videos
1 file
18 links
Gli ultimi giorni dell'umanità
un film di enrico ghezzi e alessandro gagliardo.

++
https://gliultimigiornidellumanita.it
Download Telegram
“il cinema è la punta di un iceberg di un immane apparato di registrazione che segna una svolta nella storia dell’umanità: la possibilità di rivedere la propria vita”
«L'arte dinamogrammatica, degno complemento all'indagine genealogica, ci invita a una ulteriore acrobazia: scrivere del presente né all'indicativo né al condizionale, bensì al potenziale (dire il possibile che agguata negli interstizi del dato); in un tono che non sia descrittivo (appiattendosi su quel che c'è) né normativo (pontificando di quel che dovrebbe essere), bensì allusivo, lasciando affiorare sulla superficie del vissuto le tensioni irrisolte che lo innervano segretamente. Perché ogni immagine, ogni oggetto storico - e dunque ogni gesto, nostro o altrui - cela in sé "uno stato di tensione massima ma non polarizzata": è solo il contatto con il "tempo di ora" a produrre la ionizzazione. A trasformare la dynamis in dinamite»
domani un pezzo di eccedenza sarà nel palinsesto di www.radiovirus.org: alle 16 collegati e fai refresh

https://t.me/quarantella
https://t.me/Radiovirus_increasingvoices
/ / /
ore 16:00-17:00
eccedance x Quarantella

www.radiovirus.org

eccedance: «we are making a movie. So what? Just a movie. Maybe. Maybe not. Here in Naples many things can happen»
Quarantella: «!»

Asserragliata a Materdei, la redazione eccedance esplora pianeti di migliaia di ore di video, suoni, immagini, frequenze, ipotesi, lettere, ozi e liquidi. Archivi. Per decifrare trasmissioni lontane e vicinissime che parlano dagli ultimi giorni dell'umanità. Un caravanserraglio di strumenti floridi, sbocciati dalle tasche di mister utopia, al secolo, ghezzi enrico.
www.ecce.dance

https://t.me/quarantella
(i will run far)
This media is not supported in your browser
VIEW IN TELEGRAM
!!!

Looking for a tape.
All'archivio manca un pezzo. Lo stiamo cercando.
"Una notte di eveline, 2 Gennaio 1993".
Fuori Orario, Raitre.
Vi ritrovate vhs registrate dalla tv che possono aiutarci?

++
redazione@ecce.dance
++
segreteria telefonica +39 08118098817
++
https://ecce.dance/

!!!
Molti di noi non l'hanno conosciuto, nel senso che non c'è stata occasione di incontrarsi, di stringergli la mano o scambiare qualche parola.
Eppure le sue immagini ci hanno accompagnato per molto tempo nella costruzione del film, ne fanno parte, lo animano.
Contavamo di dirgli grazie, prima o poi, alla prima occasione.
Quell'occasione è irrimediabilmente adesso.
Grazie Gianfranco Fiore.
Fotogramma 51771.
Intorno al trentaquattresimo minuto e trenta secondi del film.

Ancora grazie Gianfranco Fiore
Questa foto, per esempio, è un'epoca. Indistricabile se non raccontata. Uno spaventoso alboreo (arboreo?) venexiano 2019.
👆
Still.
Questo schema, formato A2, campeggiava sulla parete di un grande capannone da qualche parte a roma nel giugno del 2019.
Per dieci giorni, quindici persone ci girarono intorno.
Funzionò.
Era la macchina che cattura l'eccedenza,
ed ha prodotto un pezzo del film completamente inaspettato.
Era il suo scopo.
752 pagine sono difficili da non notare.
Roberto Silvestri traccia qualche nota galoppante dall'acquario di quello che manca - - > qua.

[Nella foto, i resti di un pomeriggio di montaggio, tra un febbraio, un aprile e un chissà].
#28 Qual è l’invenzione del cinema? L’invenzione del cinema è che tutta la eventuale complessità della materia, della vita, del mondo, si trova immediatamente mutata in immagine e questa è una mutazione fortissima che non esiste in nessuna delle altre, diciamo arti, nelle altre attività umane in modo così immediato e forse l’unica attività che non produce apparentemente testi spettacoli opere ma produce e riproduce e muta la nostra vita è il pensare. Il cinema è questa sorta di pensare che però da luogo ancora a immagini riconoscibili come il nostro pensare che è continuamente fatto di immagini che non ci viene in mente di stampare, a volte cerchiamo di ricordarle di raccontarle o di ridipingerle o di rifarle e ci si può mettere tutta la vita.
Anche qui siamo tenuti sospesi al nostro stesso spettacolo mediante questa stranissima mediazione del cinema che da una parte sembra solo riprodurre e dall’altra nel riprodurre inevitabilmente ci vede, ci può e deve far pensare a tutt’altro, il tutt’altro che è la stessa cosa, la società che di per sé è un continuo mescolarsi degli stessi desideri, delle stesse pulsioni, degli stessi codici. egh
Quando si lavora al mix del suono, per chiudere la copia, si ripassano per l'ennesima volta al settaccio scene e fotogrammi.
Ciononostante le sorprese sono sempre rinnovate.