Libera il tuo brand! marcotomasone.it
40 subscribers
1 photo
1 file
9 links
Il canale di Marco Tomasone dedicato al personal branding.
Download Telegram
to view and join the conversation
Cosa vuol dire "Libera il tuo brand"?
Sei in cerca di lavoro? Vuoi migliorare il tuo curriculum? Vuoi trovare un modo veloce ed efficace per descrivere la tua professionalità, catturando l'attenzione dell'interlocutore? Tutto quello che ti serve è scrivere una biografia d'impatto. Pochi caratteri ma massima efficacia. In questo articolo ti spiego come fare. https://www.marcotomasone.it/summary-canvas/
Risultare utili e sapere risolvere problemi è il modo migliore per conquistare credibilità e fiducia. Se c'è un modello cui rifarsi in tal senso, quello è il Signor Wolf; autentico paradigma del Personal Branding. Tutti dobbiamo cercare di diventare come lui. Ecco come fare in tre semplici mosse. https://www.marcotomasone.it/diventare-wolf-in-3-mosse/
Scommettiamo che ti convinco ad aprire un blog? 😎

Per farlo ho deciso di regalarti il mio nuovo E-book "Libera il tuo brand con il blog".

Per scaricarlo GRATIS, senza nemmeno inserire la tua mail, ti basta cliccare qui 👉 https://bit.ly/2MNx1hN

Come antipasto ti svelo subito l'indice:
1⃣Conquista credibilità, ottieni fiducia
2⃣ Il tuo nome, il tuo brand
3⃣ Anatomia di un blog
4⃣ Blog e SEO Branding
5⃣ Il grande ostacolo
6⃣ Parla, anzi scrivi, come mangi
7⃣ Una nicchia per domarli
8⃣ La domanda da 1 milione di dollari: Si guadagna col blog?
9⃣ Perché vale la pena aprire un blog: 12 vantaggi

Ti ho incuriosito? Spero di si. Ora scarica, leggi e -se ti va- fammi sapere cosa ne pensi.

Libera il tuo brand...con il blog!
Qualche giorno fa un cliente ha chiuso la sua richiesta con un perentorio: "Fai tu, di te mi fido". Si tratta di un attestato di stima importantissimo che ha ben pochi rivali.

Se c'è un elemento capace di sbaragliare qualsiasi concorrente, battendolo sotto ogni punto di vista (prezzo compreso) quello è proprio la fiducia.

La #fiducia permette di schiacciare ansia e diffidenza. Perché come diceva Lena Kellog Sadler: "La fiducia è l’unico rimedio conosciuto contro la paura".

Ecco 3 elementi chiave su cui lavorare per costruire una relazione di fiducia con il tuo cliente e non temere più nessuno dei tuoi competitor.

https://www.marcotomasone.it/?p=7488
💡 La strategia della bomboniera nel personal branding. 💡

Tutti abbiamo in casa una bomboniera di un nostro caro amico o parente che fa semplicemente rabbrividire. Ma non possiamo chiuderla in un cassetto. Alla prossima visita la cercherà con lo sguardo e se non la troverà faremo una figura meschina. Quindi dobbiamo tenerla esposta. Per forza.
Una soluzione però c’è: possiamo nasconderla. Occultarla dietro cornici e suppellettili di vario genere.

Purtroppo continuo a leggere di persone che sostengono che con il personalbranding dobbiamo essere noi stessi e trasmettere agli altri tutta la nostra personalità.

MA ANCHE NO!😁 Non è cosi che funziona. Perché se sei un angelo sceso in terra va pure bene, ma se, come la maggior parte di noi, hai dei lati della tua personalità gradevoli quanto un ghiacciolo al gusto merluzzo, bé allora credimi è meglio NON essere se stessi.

Ma questo non vuol dire che devi mentire. Devi solo nascondere questi lati proprio come fai con le bomboniere che proprio non puoi buttare via.

Tu segui la strategia bomboniera o preferisci essere il ghiacciolo al merluzzo?

P.S. Ci tengo a sottolineare che tutte le bomboniere dei miei amici e parenti sono assolutamente meravigliose e sono degnamente esposte in casa mia. 😘
Come misuri i progressi del tuo personal branding?

Il #personalbranding è materia liquida, difficile da contenere in indicatori numerici che ne attestino il corretto andamento. Tuttavia ho isolato delle #KPI utili al monitoraggio della sua efficacia. Nello specifico sto parlando di:

1⃣ Richieste di contatto
2⃣ Traffico/Interazioni verso il tuo blog/sito
3⃣ Partecipazione ad eventi/webinar/dirette
4⃣ Interviste e contributi
5⃣ Segnalazioni/Raccomandazioni
6⃣ Nuovi contratti
7⃣ Miglioramento del tuo prezzo di mercato

Ne hai in mente degli altri? Come fai a capire se stai lavorando bene sul tuo personal brand?

#liberailtuobrand
⭐️ Come generare fiducia nel concreto ⭐️

Si parla sempre più della fiducia come elemento determinante nel #personalbranding e nelle relazioni in generale. Ma va ricordato che questa non deve essere un concetto astratto.

La fiducia va costruita con i fatti. Sono le tue azioni a fare la differenza.

Ho isolato 10 elementi che contribuiscono a consolidare una relazione di fiducia. 10 caratteristiche che devono necessariamente far parte del tuo personal brand:

✔️ 1. Comunicare in modo chiaro
✔️ 2. Essere competente
✔️ 3. Essere credibile
✔️ 4. Essere convinti di quello si dice oltre ogni ragionevole dubbio
✔️ 5. Mostrarsi disponibile
✔️ 6. Portare risultati
✔️ 7. Risolvere problemi (senza crearne altri)
✔️ 8. Rispettare le scadenze
✔️ 9. Superare le aspettative
✔️ 10. Prevedere ed adattarsi alle necessità del cliente

Fai mente locale. Possiedi tutte queste 10 caratteristiche? Te ne manca qualcuna? Riflettici. È importante. Fidati.👍
🙏 QUANTE VOLTE FIGLIOLO? 🙏

“Chi è senza peccato, scagli la prima pietra”. E la scagli forte, urlando e facendo rumore. Perché chi è senza peccato merita di essere notato, osannato ed applaudito.

Purtroppo (o per fortuna dipende dai punti di vista) nessuno di noi può dirsi totalmente senza macchia.

Discorso differente può essere fatto per il nostro #personalbrand.
Conservarlo immacolato, evitando di farlo cadere nei celebri sette vizi capitali, non è impossibile.

Un buon punto di partenza, in tal senso, può essere conoscere le declinazioni #social di suddette colpe ed evitare, così, di trascinarlo verso sentieri pericolosi e oscuri.

Personalmente continuo ad inciampare in un paio di peccati. Lo ammetto. E tu? Quante volte figliolo?

#personalbranidng #liberailtuobrand
MENTALITÀ LEGO VS MENTALITÀ IKEA

In questi giorni circola la notizia (non nuova) della collaborazione tra Ikea e Lego con il primo prodotto Bygglek. Questi due brand rappresentano mille concetti. Tra questi il modo di concepire il lavoro e, se vogliamo esagerare, la vita in generale.

Faccio mie le parole del padre del personal branding iberico Andrés Pérez Ortega quando dice che è giunto il momento di passare dalla dilagante condizione di Ikea-ista a quella più funzionale di Lego-ista. É necessario, cioé, abbandonare l'idea di vedere il proprio lavoro come un mobile dell’Ikea. Un qualcosa di semplice e lineare, con tutti i pezzi a disposizione e tutte le istruzioni necessarie per eseguirlo secondo traiettorie immutabili e predefinite.

Come quando ci approcciamo ad un mucchio di mattoncini Lego, invece, è necessario adottare un pensiero “liquido”. Un modo di agire fluido ed imprevedibile, che ti permetta di costruire ciò che vuoi nel miglior modo possibile. Con i soli pezzi che hai a disposizione e senza istruzioni, devi riuscire a creare qualcosa di meraviglioso, andando oltre le aspettative.

E tu? Sei ancora all’Ikea o preferisci giocare con i Lego?