Animal Law Italia
52 subscribers
25 photos
47 links
Aggiornamenti dall'associazione Animal Law Italia ETS (www.ali.ong)
Download Telegram
🇮🇹 Animali e ambiente in Costituzione: con il raggiungimento di un'intesa tra le forze politiche, si avvicina il traguardo di una riforma attesa da anni!

📗Nel nostro articolo trovi il testo approvato dalla Commissione Affari Costituzionali del Senato, insieme a retroscena, commenti e prossimi passi.👇
https://www.animal-law.it/notizie/italia/verso-lingresso-della-tutela-di-animali-e-ambiente-nella-costituzione/
La Commissione Agricoltura del Parlamento UE ha approvato una risoluzione su End The Cage Age, l’iniziativa dei cittadini europei sostenuta da oltre 170 organizzazioni che chiede la dismissione delle gabbie negli allevamenti.

La risoluzione chiede alla Commissione Europea una revisione della direttiva europea del 1998 sugli animali negli allevamenti, “con l’obiettivo di dismettere l’uso delle gabbie negli allevamenti dell’UE” entro il 2027! Gli europarlamentari chiedono anche che la Commissione Europea di anticipare la revisione della legislazione sul benessere degli animali al 2022 anziché al 2023 come previsto.

Inoltre la risoluzione “chiede che tutti i prodotti di origine animale importati nell’UE siano prodotti nel totale rispetto della relativa legislazione UE, incluso l’uso dei sistemi in gabbia”.

Si chiede anche una specifica legislazione per la protezione dei conigli, che fino ad oggi non hanno una normativa specifica.

La Risoluzione sarà votata in Parlamento durante la prima plenaria di giugno.
🐘 Happy è un’elefantessa asiatica catturata in libertà, che dal 1977 vive allo zoo del Bronx. Dal 2006 ad oggi è completamente isolata da altri individui della sua specie. Ai gestori è stato chiesto più volte l'affidamento a un rifugio per animali ma senza successo.

⚖️ Nel 2018 è stata lanciata un'innovativa azione legale per chiederne la liberazione.
La Corte ha stabilito che la procedura di verifica della illecita detenzione è applicabile anche agli animali non umani. Un primo passo verso un'estensione dei diritti oltre la specie umana?

Il nostro approfondimento 👇
a-law.it/3fIo4nY
🔴 Dopo il voto favorevole della Commissione Agricoltura, giovedì prossimo l'intero emiciclo è chiamato ad esprimersi sull’iniziativa #EndTheCageAge!

🇪🇺 L'intervento normativo della Commissione europea potrà essere tanto più incisivo e rapido tanto maggiore sarà l’appoggio del Parlamento UE alla richiesta di una #EuropaSenzaGabbie.

💪 Per questo nei prossimi giorni scriveremo una mail a tutti gli eurodeputati italiani, per ricordare l'importanza di questo momento storico: l'abolizione delle gabbie sembra finalmente a portata di mano ed è importante sfruttare ogni occasione per far crescere il supporto a questa richiesta! 📢

👉 Leggi gli aggiornamenti sulla campagna.
🔴 ULTIM'ORA! 🔴

🐕 Il Consiglio regionale della Campania ha approvato una modifica alla legge regionale del 2019 sul benessere degli animali, inserendo una sanzione da 300 a 2.000 euro per chi detiene i cani o altri animali d’affezione alla catena o ad altro strumento di contenzione similare!

📢 Viene quindi integralmente accolta la richiesta della petizione #LiberiDallecatene lanciata da Green Impact e Save the Dogs and other Animals e sostenuta anche da Animal Law Italia, che aveva superato le 10.000 adesioni.

🇮🇹 Tenere legato un cane a una catena è legale in diverse regioni d’Italia.

Leggi 👉 https://a-law.it/2SRPXlU
🎉 La fine dell’era delle gabbie negli allevamenti si avvicina: il Parlamento europeo vorrebbe vietarne l’uso entro il 2027. Inoltre, chiede che entro il prossimo anno sia completata una revisione della normative di protezione degli animali, che nel tempo sono diventate antiuate e appaiono ormai inadeguate.

Leggi i dettagli nel nostro articolo.👇
a-law.it/3cAwPQ7
🔴 Oggi è la giornata di mobilitazione contro il trasporto di animali vivi.

🚢 🚛 Ogni anno più di un miliardo di polli, pecore, capre, cavalli, suini e bovini vengono trasportati vivi all’interno dell’UE e verso paesi terzi. I viaggi possono durare diversi giorni o addirittura settimane, esponendo gli animali a esaurimento, disidratazione, lesioni, malattie e persino la morte.

🇪🇺💪 Chiediamo una modifica urgente della legislazione europea sui trasporti per vietare l'esportrazione di animali vivi. Leggi le nostre richieste e ✍️ la petizione: a-law.it/ban-live-export

----

Altro importante aggiornamento!
🇪🇺 Da pochi giorni siamo entrati a far parte di Eurogroup For Animals, un gruppo di pressione riunisce oltre 70 organizzazioni per i diritti animali in tutta Europa e che agisce a Bruxelles, dove vengono prese le decisioni più rilevanti.

📢Abbiamo anche aderito alla campagna No Animal Left Behind, che chiede una completa revisione della normativa europea per gli animali d’allevamento. Leggi le nostre richieste e ✍️ la petizione: a-law.it/NALB
🦅 Tutti conoscono la storia di Gi e Giulia, la coppia di falchi pellegrini che ogni anno a fine febbraio torna a nidificare in cima al Pirellone. Quest'anno, la coppia ha dato alla luce i piccoli Dante, Beatrice e Aria: un avvenimento che era stato seguito in diretta anche dalla stampa nazionale.

⚠️ Purtroppo il 28 maggio scorso Beatrice è morta dopo essersi schiantata contro i vetri riflettenti di un grattacielo, privi dei dissuasori imposti dal regolamento comunale diritti animali per scongiurare l’impatto dell’avifauna.

👉 Oggi insieme a Gaia Animali e Ambiente abbiamo inviato una lettera alla Regione Lombardia, all’Ufficio Tutela Animali e all’Ufficio del Garante Tutela e Diritti degli Animali del Comune di Milano ribadendo l’importanza dell’applicazione della norma, affinché quanto successo a Beatrice non possa ripetersi.

📖 LEGGI L'ARTICOLO
🇩🇪 🇳🇱 🇱🇺
Ieri Germania, Paesi Bassi e Lussemburgo hanno annunciato di essere a favore del divieto di trasporto di animali vivi via mare verso Paesi terzi, ritenendo oramai provato che il benessere degli animali non possa essere garantito durante i lunghi viaggi.

🚢 Il bando alle esportazioni via mare — che dovrebbe attuarsi nell’ambito della revisione del regolamento comunitario sui trasporti— è in linea con la richiesta della nostra petizione lanciata il 14 giugno.

🇪🇺 Ogni anno dall’UE vengono esportati, anche in piena estate e inverno, milioni di pecore e altri animali verso la Turchia, il Medio Oriente, il Nord Africa, la Russia e l’Asia. Viaggi che possono durare giorni o anche mesi, come è accaduto anche di recente per le navi Elbeik e Karim Allah.

👉Approfondisci: a-law.it/3x3VRzm
✌️🎉 Vittoria per i cittadini europei!

🇪🇺 Dopo aver raccolto 1,4 milioni di firme, l'iniziativa #EndTheCageAge incassa un pieno successo da parte della Commissione Europea, che si è impegnata a presentare delle proposte di modifica delle normative sull'allevamento di galline, scrofe, vitelli, conigli, anatre e oche per VIETARE l'utilizzo di gabbie!

🌍 Siamo ancora elettrizzati per questo successo, oggi è una giornata storica per gli animali in Europa e nel mondo! Un GRAZIE di cuore a tutti voi che con la vostra firma avete consentito il raggiungimento di questo momento epocale.

👉 Continueremo a seguire da vicino il lavoro della Commissione UE. Per sostenere le nostre richieste legislative, firma la petizione: ali.ong/NALB
Animal Law Italia sarà presente al Bioetica Festival 2021 di Santa Margherita Ligure.

Annalisa Di Mauro, nostra responsabile ricerca, interverrà all'interno dello spazio "Percorsi di giustizia", in programma lunedì 23 agosto alle ore 17:30.
🔴 Presto gli allevamenti intensivi potrebbero essere certificati come rispettosi del "benessere animale", con un'operazione di maquillage normativo che costituisce un tradimento per gli animali e per i consumatori.

👉 Il “Sistema di qualità nazionale per il benessere animale” è una certificazione volontaria istituita a luglio 2020, che entrerà in funzione dopo l’emanazione di un decreto del Ministro delle politiche agricole e del Ministro della salute.

⚖️ Questo sistema dovrebbe garantire il rispetto di requisiti di salute e di benessere animale superiori a quelli di legge, che giustificherebbero l'apposizione dell’etichetta “benessere animale” sui prodotti di origine animale provenienti da allevamenti che aderiscono alla certificazione.

⚠️ Tuttavia, la prima bozza consente l’accesso alla certificazione anche prodotti provenienti da scrofe in gabbia e suini con la coda tagliata, pratica espressamente vietata dalla direttiva europea di protezione dei suini, se effettuata in via sistematica.
L’adesione a tale certificazione garantirebbe inoltre priorità di accesso ai fondi PAC e PNRR, favorendo ancora una volta gli allevamenti intensivi, che dovrebbero essere invece definitivamente superati.

📢 Partecipa alla mobilitazione!
OGGI MERCOLEDÌ 22 SETTEMBRE DALLE 11 ALLE 14 INSIEME AD ALTRE ONG LANCIAMO UN TWEETSTORM CON L'HASTTAG #BugieInEtichetta

👉 Chiediamo al ministro della Salute Speranza e al ministro delle Politiche Agricole Patuanelli di non far approvare questa certificazione ingannevole.

👉 Trovi dei link preimpostati QUI: a-law.it/3kwkGAa
🔴Anche in Piemonte li vogliamo #LiberiDalleCatene!

💪Dopo la vittoria in Campania e il cambio di rotta nel Lazio, la campagna lanciata insieme a Save the Dogs and other Animals e Green Impact sulla scia del Rapporto “Verso il divieto di tenere i cani alla catena” arriva in Piemonte, dove è ancora consentito tenere un cane a catena, senza limiti, persino per tutta la sua vita.

📢 Chiediamo al Piemonte di allinearsi alle regioni più virtuose in Italia, recependo un divieto di tenere cani alla catena, senza deroghe né eccezioni.

✍️ Firma la lettera rivolta al Governatore Alberto Cirio e condividi il link con i tuoi amici: più siamo, meglio è!

👉 https://a-law.it/2WiVowd
🗣Lanciamo un appello alla ricerca di volontari che donando una piccola parte del loro tempo possano sostenere il nostro progetto. Le attività di svolgeranno a distanza. Eventuali spese per incontri in presenza saranno interamente rimborsate.

⚖️ Cerchiamo in particolare giuristi che desiderino fare ingresso nei nostri gruppi di ricerca tematici.

Inoltre, l'invito è rivolto anche a:
👉 grafici e videomaker;
👉 traduttori (inglese, francese, tedesco e spagnolo);
👉redattori di articoli per il sito e la rivista online;

🎓Cerchiamo anche studenti universitari che desiderino organizzare incontri o seminari sui nostri temi.

🙋‍♀️Se rientri in queste categorie e hai la motivazione per contribuire ad un progetto che intende cambiare il futuro per milioni di animali lasciaci i tuoi dati e ti contatteremo il prima possibile! 👉 http://ali.ong/diventa-volontario/

🗓Potrai anche prenotare un posto al nostro primo evento dedicato ai volontari, che si svolgerà il 18 novembre alle 18.
🔴 FERMIAMO LE BUGIE IN ETICHETTA!

‼️Sapevi che potrebbero arrivare nei supermercati prodotti etichettati come "benessere animale” provenienti da allevamenti intensivi in cui le scrofe vivono in gabbia e viene praticato il taglio sistematico della coda ai suini?

⚠️ Si tratta di un inganno verso i consumatori ma soprattutto di un'ingiustizia verso gli animali, che tradisce le promesse per un’UE sostenibile: per questo non possiamo permettere che questa proposta venga approvata!

📢 Insieme ad altre associazione lanciamo oggi la campagna #BugieinEtichetta per chiedere al ministro della Salute Roberto Speranza e al ministro delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli di rivedere questo schema ingannevole.

💪Aiutaci a far cambiare questo progetto: condividi la campagna e leggi subito come entrare in azione! 👇
https://www.ali.ong/campagne/bugie-in-etichetta/
🇪🇺 Abbiamo l’opportunità unica di partecipare al processo di revisione della legislazione europea a tutela del benessere animale.

Per contribuire a cambiare il futuro di milioni di animali ti basteranno 10 minuti di tempo!

Hai tempo entro la mezzanotte del 21 gennaio 2022 per compilare il sondaggio della Commissione Europea.

📺 Guarda il nostro semplice tutorial per scoprire come fare! 👇

https://www.ali.ong/notizie/partecipa-a-questa-consultazione-europea/
Oggi la coalizione contro le bugie in etichetta, di cui ALI fa parte insieme ad altre 13 organizzazioni, è scesa in piazza sotto i palazzi dei ministeri della Salute e delle Politiche agricole per chiedere di non svuotare di significato la certificazione "benessere animale".

Aiutaci inviando una mail ai ministri!
SCOPRI COME 👉 leggi l'articolo
🔴Pubblichiamo oggi la più ampia ricerca multidisciplinare in Europa sulla macellazione rituale senza stordimento, una pratica in antitesi con la necessità sempre più avvertita nella società di ridurre al minimo le sofferenze per gli animali: macellare un animale pienamente sensibile e cosciente lo costringe infatti a una sofferenza acuta e prolungata.

Con l’aiuto di Professori universitari e medici veterinari abbiamo condotto un lavoro approfondito che ha cercato di individuare un punto di equilibrio tra l’esigenza imprescindibile di tutelare il benessere animale e quella fondamentale di garantire la libertà di religione.

Abbiamo analizzato le scelte di diversi Stati europei, nei quali lo stordimento è richiesto anche nelle macellazioni rituali. Chiediamo al legislatore Italiano di intervenire perché anche in Italia si garantisca la necessaria limitazione della sofferenza animale anche in occasione di queste macellazioni.

Stiamo raccogliendo le firme di veterinari e docenti universitari di discipline giuridiche e veterinarie per una lettera aperta rivolta al Parlamento italiano. Anche la Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani ha espresso un plauso alla nostra iniziativa.

È giunto il momento di aprire un tavolo di dialogo con le comunità religiose per individuare insieme una soluzione a un problema che necessita di essere risolto!

Aiutaci a raggiungere il nostro obiettivo!
👉 Vai su www.macellazionerituale.it e firma la nostra petizione per chiedere al legislatore italiano di intervenire!
Il 17 e 18 giugno saremo presenti alla conferenza “Theory of Animal Law” che si svolgerà presso l’Università di Helsinki.

Porteremo due relazioni, rispettivamente a cura di Annalisa Di Mauro (responsabile ricerca) e Daria Vitale (responsabile animali allevati).

Nell'articolo i dettagli: https://bit.ly/3w2Rp5S
📢 FERMIAMO INSIEME LE PELLICCE IN EUROPA
🦊L’allevamento di animali da pelliccia è crudele e ampiamente osteggiato dai cittadini dell’UE. La detenzione in gabbia di specie intrinsecamente selvatiche può essere definita una pura crudeltà.

👉Attraverso l’iniziativa europea #FurFreeEurope chiediamo di:
⛔️ vietare gli allevamenti per la produzione di pellicce in tutta l’UE
⛔️ vietare l’importazione e il commercio di pellicce nel mercato europeo

✍️ La firma di ognuno è fondamentale! Non si tratta di una semplice petizione: se raccogliamo 1 milione di firme convalidate in un anno, la Commissione europea è obbligata a rispondere e a prendere iniziativa.
Vai su www.ali.ong/campagne/fur-free-europe

💳 Tieni a portata di mano carta d’identità per convalidare la tua firma!